Da oggi il nostro verde diventa anche il vostro.

Verde Vaillant

Verde Farnia

Verde Crespino

Verde Carpino

Verde Rosa Canina

Verde Frassino

Verde Spino Cervino

Verde Biancospino

Verde Ginestra

Verde Faggio

Verde Prugnolo

Verde Corniolo

Verde Abete

Verde Quercia

Verde Nocciolo

Ogni giorno dedichiamo una grande attenzione a tutto quello che ci circonda. Lo facciamo nelle nostre sedi, dove utilizziamo energie rinnovabili e veicoli ibridi a basso impatto ambientale, ma soprattutto con i nostri prodotti. Tutte le caldaie Vaillant, per esempio, sono pensate e progettate per ridurre notevolmente le emissioni di anidride carbonica nell’aria e assicurare il massimo comfort in casa.

Oggi il nostro impegno per l’ambiente si rinnova grazie alla collaborazione con LifeGate. Insieme abbiamo scelto di contribuire alla salvaguardia ambientale e al miglioramento della qualità dell’aria, con un progetto ambizioso che coinvolgerà due aree protette del territorio italiano: il Parco del Ticino e la Valle dell’Aniene. Fino a dicembre, grazie anche al tuo contributo, pianteremo un albero all’interno del perimetro delle aree protette, impegnandoci a tutelare il patrimonio arboreo già presente.

PARCO
DEL TICINO

0

Giorno

0

Mese

0

Anno

+0

M2

VALLE
DELL’ANIENE

14

Giorno

0

Mese

0

Anno

+0

M2

wave

Alla scoperta
del nostro verde.

Scopri la storia e le caratteristiche degli alberi che ci hai aiutato
a tutelare nel Parco del Ticino e nella Valle dell’Aniene.

wave

Frassino meridionale

Il frassino meridionale è un albero adatto ai climi temperati che può crescere fino ai 25 metri. La chioma è densa, espansa più in orizzontale e compatta. Il tronco presenta una scorza bruno chiara screpolata in placche. Questa specie viene impiegata per la raccolta della manna, un liquido che fuoriesce dal tronco una volta inciso.

Il principio attivo di questa sostanza è la mannite, dal sapore leggermente zuccherino. È un lassativo naturale dalle diverse proprietà terapeutiche e viene impiegato come espettorante e sedativo della tosse, decongestionante e calmante nelle bronchiti croniche. Trova impiego anche in cosmetica.

-NOME SCIENTIFICO

Fraxinus angustifolia

-FAMIGLIA

Oleaceae

-SPECIE

F. angustifolia

-AREA

Europa

wave

Crespino

Il crespino è una pianta molto rustica, che cresce in zone montane, ambienti rupestri e rocciosi. È una specie caducifoglia, che d'inverno perde le foglie e cresce da 1 a 3 metri di altezza. Le sue spine acuminate lungo le ramificazioni, la rendono adatta alla preparazione di siepi. È conosciuta per le innumerevoli proprietà benefiche:

le bacche commestibili sono di color rosso, ricche di vitamina C. Sono inoltre efficaci per stimolare l'appetito e per i loro effetti positivi nelle patologie del tratto gastrointestinale. Della pianta vengono utilizzate le radici e la corteccia per le proprietà antimicrobiche e antisecretive.

-NOME SCIENTIFICO

Berberis vulgaris

-FAMIGLIA

Berberidaceae

-SPECIE

B. vulgaris

-AREA

zone aride di
montagna, fino
ai 2.000 mt

wave

Farnia

La farnia, comunemente chiamata quercia, è un albero dal portamento maestoso, dalla folta chioma. Può arrivare fino ai 40 metri di altezza ed è una pianta estremamente longeva: può vivere per secoli, ma ci sono prove di esemplari che hanno più di mille anni. Sacro a Zeus e Thor, è presente nella mitologia come simbolo di solidità.

Caratteristico è il frutto: una ghianda allungata, verde o marrone, lunga fino a 5 centimetri, della quale vanno ghiotti gli animali del bosco. La corteccia, radici e ghiande sono ricche di tannini e in fitoterapia vengono impiegati per le loro proprietà antisettiche, astringenti e analgesiche.

-NOME SCIENTIFICO

Quercus robur

-FAMIGLIA

Fagaceae

-SPECIE

Q. robur

-AREA

Europa

wave

Corniolo

Il corniolo è un albero da frutto spontaneo molto diffuso nei boschi a latifoglie e nelle radure pianeggianti dell’Europa. La corteccia è grigia con screpolature rossastre, mentre le infiorescenze sono a ombrello di colore giallo e si schiudono nel tardo inverno. I frutti maturano tra fine agosto e settembre.

Conosciuto per la durezza del suo legno, si racconta sia stato utilizzato per realizzare il cavallo di Troia e che la bacchetta magica di Harry Potter sia costruita con questo albero. In fitoterapia la corteccia viene impiegata per le sue proprietà febbrifughe e astringenti, mentre i frutti sono ricchi di vitamina C.

-NOME SCIENTIFICO

Cornus mas

-FAMIGLIA

Cornaceae

-SPECIE

C. mas

-AREA

Europa
centro-orientale

wave

Carpino Bianco

Il carpino bianco è una delle specie simbolo della pianura padana, già presente negli antichi boschi planiziali. È resistente alle condizioni più estreme, come al freddo o alla siccità, come pure all'inquinamento. Se lasciato libero di crescere, può formare delle barriere e delle coperture vegetali utili sia nella realizzazione di siepi

protettive, che gallerie ornamentali. Poco longevo, può però raggiungere altezze considerevoli. In fitoterapia la pianta è usata per curare le infezioni delle vie respiratorie e per l'azione stimolante nella produzione delle piastrine. Per le prime vie aeree esercita azione antinfiammatoria.

-NOME SCIENTIFICO

Carpinus betulus

-FAMIGLIA

Betulaceae

-SPECIE

C. betulus

-AREA

Europa centrale,
Asia minore

wave

Prugnolo selvatico

Il prugnolo selvatico è un arbusto caducifoglio e rustico, ben adattato al freddo che può crescere fino a 3-4 metri di altezza. Può vivere oltre i 60 anni e si adatta ad ogni tipo di terreno. I numerosi fiori che compaiono tra i primi in primavera, colorano di bianco l'intero alberello. Ricchi di nettare, sono fonte di nutrimento

per gli impollinatori e fonte di riparo per moltissimi uccelli di piccola taglia che adorano costruire il proprio nido tra i rami. I frutti arrivano a maturazione in autunno e presentano una colorazione bluastra. Numerosi gli usi in cucina, ad esempio in sciroppi, marmellate, tisane e in fitoterapia.

-NOME SCIENTIFICO

Prunus spinosa

-FAMIGLIA

Rosaceae

-SPECIE

P. spinosa

-AREA

Europa, Asia,
Africa settentrionale

wave

Ginestra dei Carbonai

La ginestra dei carbonai è una pianta cespugliosa presente in tutta Italia, eccetto Veneto e Puglia. Conosciuta in epoca romana, l'arbusto può raggiungere i 2 metri e ha portamento eretto formato da rami dalla corteccia verde, con piccole foglie che cadono in inverno. È conosciuto per resistere bene al freddo.

I fiori, di colore giallo, ricoprono la pianta tra maggio e giugno. La pianta contiene varie sostanze benefiche come la sparteina la scoparina e la citisina, con effetti tonici per il cuore e diuretici. I fiori vanno colti appena schiusi e è consigliato non superare mai le dosi consigliate, a causa della sua tossicità.

-NOME SCIENTIFICO

Cytisus scoparius

-FAMIGLIA

Fabaceae

-SPECIE

C. scoparius

-AREA

Europa

wave

Biancospino comune

Il biancospino comune è un arbusto spontaneo che cresce su tutto il territorio italiano. Utilizzato fin da epoca romana per la realizzazione di siepi, questo arbusto può crescere fino ai 5 metri. I rami più giovani sono ricoperti di spine e in primavera portano i fiori, particolarmente ghiotti agli impollinatori.

Il biancospino è conosciuto anche come la piana del cuore: le sommità fiorite vengono impiegate largamente in fitoterapia grazie alla presenza di proantocianidoli, flavonoidi, vitexina, tutte sostanze utili per la protezione dalle malattie cardiovascolari. Può essere d'aiuto per tenere sotto controllo l’ipertensione.

-NOME SCIENTIFICO

Crataegus monogyna

-FAMIGLIA

Rosaceae

-SPECIE

C. monogyna

-AREA

Europa, Nordafrica,
Asia occidentale e
America settentrionale

wave

Spino Cervino

Lo Spino Cervino è un arbusto cespuglioso dal fusto contorto e dalla chioma irregolare. In condizioni particolari può crescere fino ai 10 metri. I rami, disposti sull’arbusto in maniera discontinua, sono di colore scuro, quasi nero, e presentano delle spine all’estremità. Le foglie sono di colore verde chiaro e in passato con la corteccia,

dopo opportuno trattamento, venivano utilizzate per tingere la lana di giallo o di verde. In fitoterapia si impiegano solitamente la corteccia, il succo e i frutti, per le loro proprietà depurative, lassative e diuretiche, colte nei mesi di settembre e ottobre quando giungono a maturazione.

-NOME SCIENTIFICO

Rhamnus catarticus

-FAMIGLIA

Rhamnaceae

-SPECIE

R. catarticus

-AREA

Aree temperate e
subtropicali dell'
emisfero boreale

wave

Rosa canina

La rosa canina è l'antenata delle rose coltivate. Descritta già da Plinio il Vecchio è famosa per i suoi frutti, ricchi di vitamina C e di bioflavonoidi. È un arbusto spinoso perenne e cresce spontaneo in boschi, terreni incolti, ai margini delle strade. Il fiore si presenta come una delicata rosa con un colore che va dal bianco al rosa acceso.

Il periodo migliore per coglierne i frutti è l’inverno quando, dopo le prime gelate, la consistenza diventa più morbida ed è più facile staccarli. Viene coltivata sia per la produzione di frutti, che per la formazioni di siepi che, da maggio a giugno, si coprono di fiori profumati.

-NOME SCIENTIFICO

Rosa canina

-FAMIGLIA

Rosaceae

-SPECIE

R. canina

-AREA

Europa, Asia,
Africa settentrionale,
India sub-continentale